Nella notte tra mercoledì 5 e giovedì 6 Febbraio tre sorelle residenti nelle campagne Torinesi hanno compiuto il terribile gesto di togliersi la vita. Le motivazioni devono essere ricercate nei debiti e nella difficile situazione economica in cui si trovavano ormai da anni le tre donne, a causa di una truffa di alcuni avvocati.

Il fatto

Le tre sorelle, di 54, 68 e 77 anni si sono così tolte la vita nella propria casa a Carmagnola, in provincia di Torino. Vicino ai corpi i Carabinieri hanno trovato anche un biglietto nel quale le donne spiegavano come la loro situazione economica era diventata insostenibile e che questo le abbia portate a compiere il terribile gesto.

Le donne infatti sostenevano di essere state ridotte al lastrico da tre avvocati, mandati dal fratello, che le avrebbero truffate e riempite di debiti. Le donne, negli anni successivi alla truffa, cercarono di fare causa agli avvocati, senza però alcun esito positivo. Tutte le sentenze infatti diedero ragione agli avvocati. Le donne così, truffate e derubate finirono per riempirsi di debiti che non riuscivano più a pagare.

Come riportato da Il Messaggero: le tre sorelle avevano già tentato di togliersi la vita il 20 Luglio 2015, fortunatamente però erano state fermate dai Carabinieri prima che riuscissero a buttarsi da un muraglione.

Questa volta però è stato impossibile per i Carabinieri impedire alle donne di porre fine alla loro vita.

 

La soluzione: la “Legge Salva Suicidi

Questo fatto di cronaca risulta sicuramente significativo in quanto si tratta di altre morti causate purtroppo dai troppi debiti che si vanno a sommare a tutte quelle degli ultimi anni!

Molte persone oggigiorno infatti vivono la condizione di sovraindebitamento come una condanna, una condizione che non permette nessuna via di uscita. Alcuni non riescono a far fronte a questa difficile situazione e non vedendo altre vie di uscita decidono di togliersi la vita.

Le cose però oggi sono cambiate, da alcuni anni infatti è stata approvata una nuova legge, la cosiddetta “legge salva suicidi” (legge 3 2012).

La legge 3 2012, viene chiamata proprio “legge salva suicidi” perché è ritenuta essere un primo strumento efficace per aiutare tutte quelle persone che si ritrovano a vivere una condizione difficile a causa di debiti. Questa legge infatti vuole dare speranza a tutte le persone sovraindebitate e offrire loro la possibilità di poter uscire da questa situazione difficile e stressante.

La legge 3 2012 prevede l’avvio di una procedura attraverso la quale si può arrivare alla completa esdebitazione del debitore. In questo senso il soggetto sovraindebitato potrà vedere cancellati i debiti che risultano essere insostenibili per le proprie capacità.

Si avrà così la possibilità ridurre il proprio debito e riiniziare una nuova vita senza debiti e senza alcuna preoccupazione.

Vuoi saperne di più sulla legge salva suicidi? Leggi l’articolo di Piano Debiti, azienda specializzata nelle procedure ex legge 3 2012: https://pianodebiti.it/legge-salva-suicidi/

 

Piano Debiti ti offre una consulenza professionale che ti aiuta in caso di sovraindebitamento. Analizziamo gratuitamente la tua situazione debitoria e ti aiutiamo ad uscirne al meglio, consigliandoti la strada migliore da seguire. Contattaci inviando una richiesta o chiamandoci al numero verde gratuito 800 090 598.