HomeBlogConsigli SovraindebitamentoSovraindebitamento: la guida aggiornata al 2024

Sovraindebitamento: la guida aggiornata al 2024

Sempre più persone in difficoltà economica sentono parlare di sovraindebitamento (o viene loro proposta questa soluzione per risolvere un problema di debito): spesso al debitore in difficoltà non viene spiegato nel dettaglio di cosa si tratta oppure vengono chiamate sovraindebitamento modalità di intervento che non hanno a che fare con la normativa sulla crisi. Si tratta semplicemente di trattative stragiudiziali o proposte di rinegoziazione del debito, modalità che per loro natura sono meno incisive rispetto alle procedure di composizione della crisi, procedure che se utilizzabili possono ridurre drasticamente le posizioni debitorie di persone in difficoltà.

In questa guida cercheremo di spiegarvi in dettaglio di cosa si tratta e quali possono essere i vantaggi di accedere a una reale procedura di sovraindebitamento per le persone in difficoltà a pagare i propri debiti.

La nozione giuridica di sovra indebitamento

Introdotto nel sistema giuridico italiano dalla Legge 3/2012, “Disposizioni in materia di usura e di estorsione, nonché di composizione delle crisi da sovraindebitamento” il concetto di “sovraindebitamento” è il nome giuridico che la legge assegna alla difficoltà nel pagare i proprio debiti, quanto il soggetto debitore è un soggetto non fallibile, ovvero un consumatore, una piccola impresa, un professionista, etc.

In parole povere il sovraindebitamento è la difficile situazione di coloro, consumatori o piccole imprese, che non riescono a pagare i propri debiti a causa di uno squilibrio tra le disponibilità economiche ed i debiti da pagare.

Con la normativa sul sovraindebitamento, nasce in Italia una gestione del debitore insolvente sul modello in vigore nella maggior parte dei Paesi europei: non rimanere quindi inseguito a vita da banche e finanziarie, ma poter pagare il giusto per liberarsi dal debito e tornare una persona serena e pienamente inserita nella vita economica della propria comunità.

Il sovraindebitamento è stato recentemente (luglio 2022) riformato completamente dal Codice della Crisi d’Impresa e dell’Insolvenza, e pertanto non è più corretto far riferimento alla legge 3 2012 (seppure i principi siano rimasti per molti versi gli stessi).

Attualmente la norma di riferimento per il sovraindebitamento è il Codice della Crisi e dell’Insolvenza. Pertanto le informazioni di questa guida sono aggiornate alle nuove disposizioni del codice andate in vigore il 15 luglio 2022.

Procedura di sovraindebitamento: cos’è

Una procedura di sovraindebitamento è una procedura legale (in pratica una domanda che viene presentata al Giudice competente) che permette a un debitore in difficoltà di uscire dai debiti attraverso un piano di pagamenti sostenibile per la situazione attuale del debitore. E’ riservato ai soggetti sovraindebitati: viene considerato “sovraindebitato” colui che per motivazioni di qualsiasi natura non riesce a far fronte ai debiti e non dispone di “patrimonio prontamente liquidabile” per onorare il debito scaduto. E’ sovraindebitato anche il soggetto che non sarà in grado di pagare in breve termine, anche se ancora non insolvente. Ad esempio, un dipendente che avesse sempre pagato la rata del mutuo, se licenziato, potrà accedere alle procedure di sovraindebitamento se non ha risorse per pagare le rate dei mesi successivi.

In sintesi, la finalità principale di una procedura di sovraindebitamento è quella di permettere legalmente al debitore di pagare quanto gli è possibile e di vedersi cancellato il debito che è accertato non può essere pagato. In questo caso di parla quindi di “esdebitazione” ovvero di cancellazione del debito non onorato.

Per avviare una procedura di sovraindebitamento è necessario ricostruire totalmente la propria posizione economico finanziaria, e vi sono varie fasi da superare, come vedremo nel seguito della guida.

Importante sapere che l’opportunità non va intesa come una generale sanatoria del debito. È offerta la possibilità a chi ha troppi debiti di pagare quanto gli è possibile, in relazione alla propria situazione di reddito, patrimonio e carico familiare, che andrà quindi accuratamente analizzata. L’approccio è quindi di equilibrio tra i diritti del debitore ad una vita dignitosa e quella dei creditori di ottenere almeno una parte di quanto dovuto dal soggetto sovraindebitato: nella nostra esperienza grazie alla procedura il debitore deve pagare una somma che va tra il 10% e il 30% dei debiti, magari dilazionandoli in rate mensili sostenibili.

Procedura di sovraindebitamento: due esempi concreti

Prima di entrare nei dettagli di questa normativa, proviamo a spiegarvi come funziona praticamente la norma con due esempi: un caso dove il debitore non ha patrimonio ma solo uno stipendio e un secondo caso dove invece il soggetto sovraindebitato è proprietario di un immobile.

Il primo caso potrebbe essere quello di una coppia di lavoratori dipendenti che guadagnano 3.000 euro al mese, e grazie a questo reddito hanno debiti con le banche per una rata mensile di euro 1.300. hanno inoltre un figlio a carico. Supponiamo che uno dei due perda il lavoro e il reddito famigliare si riduca a 2.000 euro mensili: sarà impossibile con un reddito così ridotto pagare 1.300 euro di rate. Bene, in questo caso, sarà possibile presentare un piano del consumatore, dove le rate delle finanziarie vengono sostituite da un’unica rata calcolata in modo da lasciare un minimo vitale per vivere dignitosamente, che per una famiglia di 3 persone si aggira intorno a 1.700 euro. Pertanto la coppia verserà 300 euro per la durata del piano (di norma 5 anni) e poi sarà libera da ogni debito residuo. pertanto se i debiti erano pari a 90.000 euro, versando 300 euro per 60 rate (18.000 euro!) verranno chiusi tutti i debiti.

Il secondo caso, potrebbe essere quello di un piccolo imprenditore la cui azienda è andata male a causa del Covid e ha cumulato 100.000 di debiti verso il fisco e 120.000 verso banche e fornitori. Agenzia delle Entrate e le banche hanno posto in vendita la casa tramite asta: la casa che vale circa 150.000 euro verrà venduta per meno della metà (cosi funzionano purtroppo le aste!) . Se questo imprenditore non agisce, probabilmente gli venderanno la casa ma rimarranno ancora molti debiti che lo inseguiranno per tutta la vita. Infatti i settanta /ottanta mila euro ricavati dalla vendita della casa non pagheranno neppure le metà del debito contratto.

Se invece, prima che la casa venga venduta il debitore avvia una procedura di sovraindebitamento (in questo caso potrebbe essere una procedura di liquidazione del patrimonio) l’immobile verrà comunque venduto, ma la procedura chiuderà tutti i debiti non solo quelli pagati dalla vendita: un importante vantaggio che permetterà a questa persona di ritornare a essere libero da ogni pendenza verso i creditori. Inoltre, spesso l’avvio di una procedura rallenta il processo di vendita, e il debitore potrà rimanere nell’immobile ancora per mesi o anni.

Con riguarda alla casa, sono casi specifici dove grazie alle procedure di sovraindebitamento il debitore riesce anche a salvare l’immobile di residenza. Sono situazioni che vanno valutate di caso in caso e dove fà la differenza anche la competenza dell’Advisor a cui si rivolge il soggetto in difficoltà.

Legge sul Sovraindebitamento: chi può accedere alle procedure e quali sono

Per prima cosa serve sapere che queste procedure sono riservate ai soggetti non fallibili, ovvero a queste categorie di debitori. consultandole potrai capire se anche nel tuo caso è possibile ipotizzare una procedura di sovraindebitamento:

  • Consumatori, ovvero persone fisiche senza partiva IVA (dipendenti pensionati e inoccupati, ecc)
  • Piccole imprese non fallibili, ovvero con un fatturato inferiore a 200.000 euro annui, patrimonio inferiore a 300.000 euro e debiti inferiori a 500.000 euro. tali parametri devono essere riscontrati negli ultimi tre anni.
  • Aziende agricole di tutte le dimensioni
  • Professionisti iscritti ad albi e ruoli, anche in questo caso senza limiti di fatturato o debiti
  • Start up innovative
  • Enti no profit (onlus, associazioni, ecc)
Sovraindebitamento: chi può accedere alle procedure e quali sono

I principali presupposti per l’accesso alle procedure di sovraindebitamento prevedono che il debitore sia in stato di sovraindebitamento, che sia un soggetto non fallibile, che non abbia posto in essere atti di frode verso i creditori (ovvero non abbia volutamente sottratto beni o denaro, occultandolo ai creditori).

La norma prevedeva originariamente tre distinte procedure di sovraindebitamento molto diverse tra loro, a cui con l’avvento del codice della crisi si è aggiunta una quarta possibilità del tutto nuova, sotto forma di semplice domanda. Tutte sono finalizzate all’esdebitazione del debitore che ha contratto troppi debiti rispetto alle proprie possibilità attuali:

  • Procedura di ristrutturazione dei debiti del consumatore, anche conosciuta come “Piano del Consumatore”: che può essere utilizzata solo dalle persone fisiche e non gli altri soggetti (aziende, ecc). Viene proposto ai creditori un piano di pagamenti sostenibile rispetto ai redditi del debitore. Il piano viene approvato dal Giudice, e sostituisce ogni altra pattuizione. (clicca qui per visionare alcune sentenze relative al piano del consumatore)
  • Concordato minore (ex Accordo di composizione della crisi): è sempre un piano di pagamenti, ma riservato alle imprese e professionisti. Semplificando, si propone ai creditori un piano sostenibile che diventerà effettivo se votato dagli stessi creditori per almeno il 50%. In questo caso è permessa la continuità dell’impresa, e possibile la salvaguardia dei beni. (clicca qui per visionare alcune sentenze relative all’accordo di composizione)
  • Liquidazione controllata del sovraindebitato, o liquidazione del patrimonio: nelle situazioni più difficili è possibile chiedere al Tribunale che i debiti vengano pagati con la Liquidazione del proprio patrimonio. Qual è il vantaggio? Anche se la vendita dei beni non copre tutti i debiti, il residuo debito non pagato viene cancellato e si può ripartire puliti da ogni obbligo verso i creditori. (clicca qui per visionare alcune sentenze relative alla liquidazione del patrimonio)
  • Esdebitazione del debitore incapiente. Nel caso particolare di un debitore senza patrimonio e senza redditi stabili, è possibile accedere, in questo caso una volta sola nella vita, comunque alla cancellazione di tutti i debiti senza versare nulla. In questo specifico caso sarà però necessario dimostrare di essere stati “meritevoli” ovvero che non si è creata volontariamente questa situazione e che si è sempre cercato di saldare i debiti senza “scappatoie”.

È possibile accedere alla legge in ogni fase della “crisi del debito”. Si potrà chiedere un accordo con i debitori sia quando iniziano i primi problemi di pagamento (di solito la cosa più vantaggiosa) che nel caso in cui ormai i creditori abbiano aggredito il proprio patrimonio, o quello dell’azienda, con pignoramenti, aste immobiliari o trattenute sullo stipendio.

Viene chiamata Legge Salva Suicidi: perché?

Viene chiamata Legge Salva Suicidi: perché

La prima a chiamare la legge in questo modo è stata la trasmissione “Le Iene” che ne ha parlato in un servizio del 2014, denominandola proprio “Legge Salva Suicidi”. In quel periodo il fenomeno devastante del suicidio di molti piccoli imprenditori oberati dai debiti, soprattutto nel triveneto, è all’attenzione dei media. Le Iene presentano la legge come un primo barlume di per ridare speranza a tutti coloro che sono oppressi dai da situazioni difficili a livello finanziario. Il bellissimo servizio delle Iene viene ripreso da numerosi siti internet e la Legge 3 2012 viene ribattezzata Legge Salva Suicidi.

Si tratta ovviamente di una semplificazione giornalistica, che non deve far dimenticare che si tratta di una vera e propria procedura concorsuale. Pertanto serviranno professionisti specializzati e un serio percorso con il Tribunale competente per raggiungere l’obiettivo di vedersi cancellare i debiti non pagabili.

Merito però a Le Iene di aver portato per prima all’attenzione di tutti questa importante legge, che fino ad allora era nascosta al grande pubblico!

Un aiuto per risolvere i propri debiti: come funziona la Legge sul sovraindebitamento?

La procedura di sovraindebitamento è tecnicamente una piccola procedura concorsuale, da presentarsi presso il Tribunale di residenza. Nessuna bacchetta magica che farà di colpo sparire i debiti, ma se ci sono le condizioni, in alcuni mesi si può ottenere l’approvazione di un piano che riporti il debito a quanto è possibile pagare, e ritrovare la serenità all’interno della famiglia e del proprio lavoro.
I passaggi fondamentali sono i seguenti:

  1. Verifica con qualcuno di competente in materia, se puoi accedere alla legge e se quanto previsto dalla normativa è vantaggioso per te. Quindi prima di investire risorse e tempo per avviare una procedura, è importante verificare che possa andare a buon fine!
  2. Se la normativa sul sovraindebitamento è la possibile soluzione ai tuoi problemi, sarà necessario:
    • raccogliere la documentazione necessaria (molta, è uno degli aspetti più critici) in merito alla tua situazione economica e patrimoniale
    • predisporre elenchi accurati dei tuoi debiti, del tuo patrimonio, e dei cosiddetti “atti dispositivi” degli ultimi cinque anni.
    • stendere una prima bozza del piano da proporre ai creditori, o del piano di liquidazione
  3. Preparato quanto sopra, il tuo consulente dovrà richiedere la nomina di un OCC che dovrà verificare sia gli aspetti formali che la sostenibilità della proposta. L’OCC, attraverso una relazione scritta, indica al Giudice se ci sono tutti gli aspetti formali e sostanziali per poter procedere con la procedura. La figura dell’OCC ha un duplice ruolo: infatti da una parte è di ausilio al Giudice per evitare che lo stesso debba verificare la documentazione spicciola, e dall’altro ha un preciso ruolo di tutela anche dei creditori, in modo che debitori che non hanno diritto non possano accedere a questa normativa così vantaggiosa per loro e penalizzante per il creditore.
  4. Ottenuta la relazione da parte dell’OCC (passaggio che di norma richiede da qualche settimana a qualche mese, a seconda della complessità del caso) si può procedere al deposito della procedura presso di Tribunale di residenza.
  5. A questo punto serve l’approvazione del Giudice, ovvero la cosiddetta “Omologa”. Si tratta di un documento che indica come la procedura sia stata approvata e specifica alcune prescrizioni che il giudice può dare ai creditori ed al debitore (ad esempio, bloccare un pignoramento o un’asta, oppure le modalità per i pagamenti, ecc. ecc.)
  6. Attuazione del piano. L’ultima fase è quella di dare attuazione a quanto scritto nel piano omologato: infatti la cancellazione di debiti potrà avvenire solo se il debitore da attuazione a quanto è stato previsto dalla procedura (ad esempio versare una parte dello stipendio, oppure liquidare del patrimonio).
  7. Esdebitazione e riabilitazione. A piano completamente attuato (tre anni per la procedura di liquidazione, mentre il tempo è variabile per le altre procedure) la procedura termina con l’esdebitazione ovvero la cancellazione dei debiti non pagati, che è il vero obiettivo di ogni debitore che avvia una procedura di sovraindebitamento

Come si può capire si tratta di un percorso abbastanza complesso, ma il premio, ovvero la completa cancellazione di quanto non pagato, è sicuramente un risultato che può cambiare in meglio la vita di molte persone. Non è raro, infatti, che debiti importanti vengano chiusi anche pagando meno del 10% del debito, magari dilazionato in tre quattro anni! un grande vantaggio che vale la pena di verificare se sia applicabile al tuo caso.

Sovraindebitamento e codice della crisi: le novità

È importante sapere che a seguito dell’approvazione del Codice della Crisi e dell’Impresa, la normativa sul sovraindebitamento ha recepito alcune importanti novità, quasi tutte positive per il debitore. Vediamo le principali, entrate in vigore a partire dal luglio del 2022.

Procedure familiari di sovraindebitamento

Mentre la precedente legge 3 2012 prevedeva che per ogni debitore fosse avviata una singola procedura, con duplicazione di costi e complessità operative, la nuova norma dettata dal codice della crisi , introduce la possibilità che membri della stessa famiglia, indebitati, possano avviare un’unica procedura, riducendo i costi e abbreviando i tempi.

Perché questo possa accadere è necessaria almeno una di queste due condizioni, ovvero:

  • Che i membri della famiglia siano conviventi
  • Che il sovraindebitamento abbia un’origine comune

Sotto un profilo un po’ più tecnico, sarà necessario che il piano preveda masse distinte, ovvero che ogni persona risponda per una parte di debito congrua rispetto al patrimonio personale, e il piano del consumatore si possa applicare solo se tutti i familiari coinvolti hanno la qualifica di consumatori.

Meritevolezza

Uno dei punti su cui, a nostro avviso, la normativa del codice migliora notevolmente la precedente legge 3 2012, è il concetto di meritevolezza. Infatti, la norma precedente prevedeva “gradi” diversi di diligenza, da parte del debitore, per poter essere esdebitati (tra l’altro con grande possibilità di arbitrio interpretativo da parte del Giudice) mentre la legge riformata detta principi interpretabili in maniera più uniforme.

Il debitore che vorrà essere aiutato dalla normativa sul sovraindebitamento dovrà infatti essere in questa condizione:

  •  Non deve avere effettuato atti in frode ai creditori, ovvero non deve avere sottratto del patrimonio (esempio classico: mi vendo la villa, porto di nascosto i soldi in Svizzera, e poi mi dichiaro sovraindebitato. Non è possibile, la legge penalizza questi comportamenti “furbi”!)
  • Il debitore non deve aver determinato la condizione di sovraindebitamento in maniera dolosa o colposa. (si parla di colpa grave) Il sovraindebitamento deve essere quindi nato da situazioni di difficoltà oggettive, e non creato ad arte, o con comportamenti del tutto sconsiderati.

Una meritevolezza più “forte” permane invece per la richiesta di esdebitazione del debitore incapiente. In questo caso, visto che si può liberare dai debiti una persona che non è in condizione di offrire nulla ai creditori, neanche una piccola parte del debito, la legge prevede ancora il criterio della meritevolezza, ovvero che il debitore si sia comportato in maniera del tutto ineccepibile, e che il sovraindebitamento sia causato da motivazioni esterne e non prevedibili (ad esempio la perdita del lavoro).

Cessioni del quinto e sovraindebitamento

I prestiti sotto forma di cessioni del quinto dello stipendio sono equiparate agli altri debiti bancari, e quindi possono essere non pagati. Con l’avvio di una procedura di sovraindebitamento, la trattenuta sullo stipendio viene bloccata.

Esdebitazione di diritto

Un po’ tecnico, ma fondamentale l’aspetto dell’esdebitazione di diritto. Ovvero con la legge 3 2012, in caso di procedura di liquidazione del patrimonio, il debitore, dopo quattro anni dall’apertura della liquidazione, doveva fare una successiva domanda di esdebitazione, che richiedeva tempi e una nuova valutazione da parte di un diverso giudice.
Il Codice della Crisi, prevede invece che la liquidazione duri tre anni invece dei precedenti quattro (quindi è più breve) ma soprattutto che non serva una autonoma domanda di esdebitazione: infatti dopo tre anni, in assenza di motivi ostativi, tale provvedimento viene richiesto all’interno della stessa procedura: la nuova versione della legge sul sovraindebitamento prevede infatti che l’esdebitazione sia ” di diritto” e si escluda solo in caso di comportamenti censurabili del debitore (come ad esempio non pagare quanto previsto dal piano proposto).

Piano Debiti: la Legge sul sovraindebitamento è la nostra specializzazione

La nostra esperienza ci dice che, ancora oggi a dieci anni dall’approvazione della normativa sul sovraindebitamento, molti casi non vanno a buon fine perché male impostati, mancanti di parte della documentazione necessaria, o semplicemente perché si è richiesto qualcosa che non si può ottenere.

La legge 3 2012 è la nostra specializzazione

In molti altri casi, il debitore non pienamente consapevole delle proprie possibilità ottiene risultati molto inferiori di quelli che potrebbe ottenere se ben consigliato ed assistito.

Comprendere che per uscire dai debiti serve un aiuto è il primo passo per risolvere la situazione. Il secondo passo è avere aspettative ragionevoli e l’aiuto di un esperto di procedure di sovraindebitamento, che ben conosca la legge e che possa dimostrare di aver portato a termine con successo altri casi. Sarà il consulente a predisporre quanto necessario e a sottoporre all’OCC la proposta di risanamento delle posizioni debitorie.

Rivolgendoti a Piano Debiti, non solo sarai seguito da esperti della materia, ma da persone che hanno l’obiettivo di aiutarti e affiancarti, e che hanno fatto della Legge 3 2012 e della soluzione di casi di sovraindebitamento il loro lavoro di ogni giorno.

Per prima cosa sappiamo bene che il debitore in difficoltà è in una difficile condizione psicologica, pressato dai debiti e spesso in gravi difficoltà economiche.

C’è l’ansia per il futuro dei propri familiari, per il destino della propria azienda o della casa, la preoccupazione di non farcela e di cadere in una spirale senza fondo. Dare un aiuto al debitore per risolvere la sua situazione significa prima di tutto ascoltarlo e fornire un primo consiglio onesto e trasparente. Anche dicendo serenamente “non si può fare” se pensiamo che la la legge sul sovraindebitamento non sia la soluzione giusta.

Non abbiamo una promessa da farti, se non che il nostro impegno sarà massimo per trovare la migliore soluzione per il tuo caso, e di seguirti in ogni passaggio fino al raggiungimento del risultato. Anche per questo prima di accettare un incarico, forniamo sempre al cliente una consulenza gratuita finalizzata a fargli comprendere cosa si può ottenere e cosa non si può ottenere attraverso una procedura di sovraindebitamento.

Scopri di più sulla nostra attività:
https://pianodebiti.it/sovraindebitamento-a-chi-rivolgersi/

Per aiutarti a comprender meglio di cosa si tratti, di seguito una breve sintesi di casi reali, seguiti dai professionisti che lavorano con Piano Debiti a questo link, oppure puoi guardare l’intervista del nostro fondatore e Presidente Matteo Arata, da parte della trasmissione Report di Rai Tre.

Il testo della legge sul sovraindebitamento in PDF

Scarica una copia PDF della legge 3 2012 aggiornata

Scarica una copia PDF del Codice della Crisi Aggiornata

Vai ai nostri approfondimenti giuridici 

Potrebbe anche interessarti:
https://pianodebiti.it/saldo-e-stralcio-cose/

Risorse utili:
https://www.gazzettaufficiale.it/gunewsletter/dettaglio.jsp ?service=1&datagu=2012-01-

chi siamo img1

Hai bisogno di aiuto?

Piano Debiti ti offre una consulenza professionale che ti aiuta in caso di sovraindebitamento. Analizziamo gratuitamente la situazione debitoria e ti aiutiamo ad uscirne al meglio, consigliandoti la strada migliore da seguire.

Domande Frequenti sul Sovraindebitamento

  1. Che cos’è il sovraindebitamento?

    Il termine “sovraindebitamento” è stato introdotto da una legge per descrivere la situazione in cui una persona o una piccola impresa non riesce a far fronte ai propri debiti. In pratica, le procedure di sovraindebitamento rappresentano un mezzo legale per ridurre o cancellare i debiti impossibili da pagare. Queste procedure possono essere avviate presentando un’apposita domanda al Tribunale competente per il proprio luogo di residenza.

  2. Che cosa si intende per sovraindebitamento?

    Il sovraindebitamento è un concetto giuridico introdotto nel nostro paese dalla legge 3 del 2012, che indica la situazione in cui un consumatore o una piccola impresa non fallibile si trova nell’impossibilità di pagare i propri debiti. Spesso, con questa parola, si fa riferimento alle procedure di sovraindebitamento, attualmente regolate dal Codice della Crisi, che servono ad aiutare legalmente una persona vittima di sovraindebitamento a uscire da questa condizione.

  3. Che cosa significa sovraindebitamento?

    Il sovraindebitamento è un concetto giuridico introdotto nel nostro paese dalla Legge 3 del 2012. Esso descrive la situazione in cui un debitore, sia esso un privato cittadino o il titolare di una piccola attività economica, si trova nell’impossibilità di pagare i propri debiti. Con questa parola, spesso si intendono anche le procedure di sovraindebitamento, attualmente normate dal Codice della Crisi, che rappresentano strumenti legali volti ad aiutare una persona in tale condizione a uscire dalla propria difficoltà finanziaria.

  4. Chi decide l’ammontare della proposta da formulare all’interno del Piano?

    Se si tratta di ristrutturazione dei debiti del consumatore la decisione spetta al consumatore in accordo con i suoi consulenti. Se invece si parla di liquidazione controllata l’ammontare della proposta viene sancito dal Giudice delegato.

  5. Chi può accedere alla Composizione della Crisi da Sovraindebitamento?

    I soggetti che possono avvalersi della normativa sono tutti quei soggetti non fallibili, in cui rientrano: dipendenti nel pubblico e nel privato, pensionati, professionisti, piccoli imprenditori e aziende agricole.

  6. Codice della Crisi e D.L.14/2019: quali sono le differenze?

    Nessuna differenza, sono due nomi diversi che riguardano lo stesso Decreto Legge, nato in attuazione della legge 155/2017.

  7. Codice della Crisi e sovraindebitamento: quale rapporto esiste?

    Il codice della crisi dell’impresa e dell’insolvenza, è un nuovo codice entrato in vigore nel 2022 e che riforma completamente la normativa fallimentare, che risaliva al 1942. Il codice riguarda anche la disciplina del sovraindebitamento, in quanto le nuove norme assorbono la precedente legge 3 2012 che dall’agosto 2022 non sarà più in vigore, e verrà sostituita dal codice della crisi (D.L. 14 2019).

  8. Come so di avere i requisiti per attivare il Codice della Crisi?

    La certezza di essere un soggetto che rientra nella normativa è difficile da appurare autonomamente. Chiamaci allo 0523 33 73 31, parlerai con uno dei nostri consulenti gratuitamente, che raccoglierà informazioni sulla tua situazione e ti saprà indicare se hai i requisiti per attivare questa procedura. 

  9. Cos’è l’Accordo con i creditori?

    E’ una delle tre procedure previste dalla Legge 3/2012 ed è riservato alle imprese. Si propone ai creditori un piano sostenibile che diventerà effettivo se approvato da almeno il 60% dell’ammontare del debito.

  10. Cos’è la Composizione della Crisi da Sovraindebitamento?

    La composizione della crisi da sovraindebitamento è una normativa che ha come ratio quella di risolvere situazioni di sovraindebitamento, dando la possibilità ai soggetti con i requisiti per richiederla la possibilità di fare una proposta di ristrutturazione dei debiti ai suoi creditori.

  11. Cosa posso ottenere dalla Composizione della Crisi da Sovraindebitamento?

    Se la procedura di Composizione della Crisi da Sovraindebitamento va in porto il debitore pagherà solo la parte di debito contratto di cui ha effettiva disponibilità economica e vedrà cancellato la parte di debito restante.

  12. Cosa si intende per “fresh start”?

    “A Fresh start” è il modo in cui vengono chiamate le procedure di sovraindebitamento nei paesi anglosassoni, dove da ormai molti anni è possibile risolvere le situazioni di sovraindebitamento accedendo a specifiche procedure di legge
    “Fresh start” ha il significato di nuova partenza, ovvero di dare la possibilità alle persone di lasciarsi definitivamente alle spalle l’esperienza del sovraindebitamento e ripartire con il diritto di avere una vita dignitosa e serena.

  13. Ho debiti e la casa all’asta, posso comunque accedere alla Composizione della Crisi da Sovraindebitamento?

    Sicuramente è possibile accedere alla procedura, anche se a questo punto la situazione potrebbe già essere un pò compromessa. Difatti, il momento migliore per attivare la procedura della Composizione della Crisi da Sovraindebitamento è all’insorgere delle prime difficoltà a saldare i debiti. Comunque, attivando la procedura quando è già avviato un pignoramento e la casa è stata messa all’asta, potrebbe ancora essere possibile salvare la casa. Diversamente, con la procedura sarà possibile sanare l’eventuale parte residua di debiti non coperta dalla vendita dell’immobile.

  14. Ho numerosi debiti che non riesco a pagare e i creditori minacciano di portarmi via la casa. Con la Composizione della Crisi da Sovraindebitamento posso salvarla?

    Sicuramente c’è la possibilità di salvare la casa, ma chiaramente dovrà essere corrisposto una parte del debito ai creditori. Questa parte dipende anche dal valore della casa. Difatti, se hai un debito di 500.000 euro e una casa che ha un valore di 100.000 euro, ad esempio, potrai pagare ai creditori una quota del debito decisamente parziale. Se, invece, hai un debito di 500.000 euro e una casa con un valore di 1.000.000 di euro è molto probabile che, al netto della procedura, dovrai pagare interamente il debito contratto.

  15. Ho prestato garanzie per un prestito che non è stato ripagato. Essendo a mia volta in condizioni di sovraindebitamento, e non riuscendo a sostenere anche questa spesa, posso accedere al Codice della Crisi?

    Si, perché una volta che avviene l’escussione della fidejussione di un debito contratto da un altro soggetto a cui il debitore ha fornito garanzia, il debito viene trasferito anche a quest’ultimo. In tal caso è possibile iscrivere il suddetto debito nella procedura di sovraindebitamento. 

  16. Ho solo debiti con Equitalia, mi conviene accedere alla legge?

    Attivando la procedura di Composizione della Crisi da Sovraindebitamento è possibile anche sanare i debiti con Equitalia, per cui si pagherà solo una parte del debito e liberati dalla parte restante, a seconda della situazione patrimoniale individuale. L’IVA, tuttavia, non può essere cancellata e va pagata, anche se con la procedura si può ottenere una dilazione del pagamento.

  17. Ho una malattia/ sono invalido, posso accedere alla Composizione della Crisi da Sovraindebitamento?

    Assolutamente si: inoltre, questa situazione può essere giudicata come condizione di meritevolezza che fornisce maggiori probabilità di ottenere risultati positivi.

  18. In questo momento sono disoccupato, posso accedere al Codice della Crisi?

    Assolutamente si: inoltre, questa situazione può essere giudicata come condizione di meritevolezza che fornisce maggiori probabilità di ottenere risultati positivi.

  19. La mia casa è già stata venduta all’asta, ma ho ancora molti debiti. La Composizione della Crisi da Sovraindebitamento mi può comunque aiutare?

    Certamente sì. Non è raro, infatti, che la vendita dell’immobile non copra tutto il debito a causa dei ribassi derivanti dal suo deprezzamento. In tali situazioni si può ricorrere alla Composizione della Crisi da Sovraindebitamento per vedersi cancellare la parte di debito ancora da saldare.

  20. La mia casa è già stata venduta all’asta, ma ho ancora molti debiti. La Legge 3 2012 mi può comunque aiutare?

    Purtroppo anche se si è arrivati al punto in cui la nostra casa è stata venduta all’asta, non sempre la situazione debitoria è risolta. L’immobile di proprietà infatti, ogni volta che va all’asta, subisce dei ribassi, derivanti dal deprezzamento dell’immobile stesso.
    Quindi, nel caso in cui anche dopo questa vendita rimangano dei debiti residui, i creditori vanno nuovamente all’attacco di ciò che rimane (ad es. un conto corrente) oppure portano avanti azioni verso chi ha eventualmente prestato delle garanzie.
    Con la Legge 3 2012 è possibile intervenire e risolvere la situazione, pervenendo ad una definitiva esdebitazione.

  21. Non ho più patrimonio, posso accedere alla Composizione della Crisi da Sovraindebitamento?

    Certamente si, anche se bisogna esaminare la sussistenza di garanzie a supporto del piano.

  22. Occorre avere un debito minimo prefissato per accedere al Codice della Crisi? Ad es. 50.000 euro?

    No, la normativa non prevede una somma minima di debiti per accedervi. Tuttavia, consigliamo di attivare tale procedura solo in situazioni di debiti rilevanti, di almeno qualche decina di migliaia di euro, per intenderci. Accedere alla procedura con debiti minori porterebbe a dei costi per la pratica che potrebbero incidere pesantemente sul bilancio complessivo. 

  23. Posso cancellare i debiti con Equitalia?

    Sicuramente è possibile farlo mediante le procedure messe a disposizione dalla Composizione della Crisi da Sovraindebitamento e la legge 155 del 2017.

  24. Quali debiti rientrano nelle procedure previste dalla Composizione della Crisi da Sovraindebitamento?

    Essenzialmente la normativa copre tutte le tipologie di debito contratte con banche, istituti finanziari, fornitori, soggetti provati e pubblici.

  25. Quali sono le procedure per il sovraindebitamento?

    La normativa tocca situazioni e soggetti molto diversi, per cui vi sono molteplici soluzioni per soddisfare le esigenze caso per caso: la Ristrutturazione dei Debiti del Consumatore, l’Accordo con i Creditori e la Liquidazione Controllata.

  26. Socio di una Snc che ha chiuso con debiti residui: posso sistemare solo la mia posizione?

    Sì. La procedura è personale e quindi sarà possibile portarla a termine anche se avviata da uno solo dei soci della snc in difficoltà.

  27. Vorrei accedere alla Composizione della Crisi da Sovraindebitamento, ma mi è arrivata una lettera che indica la decadenza dal beneficio del termine del mio mutuo. Cosa devo fare?

    Con decadenza di beneficio del termine si delinea quella situazione in cui il debitore ha un arretrato di sei rate, arretrato che autorizza la banca a esigere il pagamento da parte del debitore di tutto il capitale residuo preso a prestito in un’unica soluzione, e non a rate con “il beneficio del termine”. Questa decadenza non impedisce certamente di attivare la Composizione della Crisi da Sovraindebitamento.

Valutazione Articolo
5 (622 voti)

29 commenti su “Sovraindebitamento: la guida aggiornata al 2024

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Buongiorno,
    perdonatemi il disturbo, questa la situazione di cui vi chiedo di fornirmi una vostra visione su come dovrei procedere:

    Nel 2018 ho acquistato assieme alla mia morosa una Bmw stipulando un contratto con la finanziaria della casa automobilistica BMW Financial Services con una rata di 423,54€, in quel periodo entrambi lavoravamo con relativa busta paga (io guadagnavo 2.200€/mese mentre la mia morosa 1.300€/mese)
    Purtroppo nel 2021 per una foto crisi aziendale, io persi il lavoro e questo ha iniziato a comportare notevoli difficoltà nel rispettare l’impegno preso. Siamo comunque andati avanti circa un anno nel pagare in ritardo le varie rate tra minacce vere e proprie di agenzie di recupero crediti precisamente dalla Cr Service, situazione che preso dalla disperazione avevo cercato un aiuto anche da striscia la notizia o le iene, ma una volta inviato loro il materiale comprovante telefonate, messaggi ecc… nessuno fece nulla….
    Oggi mi è arrivata una lettera da parte di uno studio legale associati di Roma il quale scrive a nome e per conto di una struttura di recupero crediti che allegando contratto di acquisto del credito vantato nei confronti di BMW ci chiedono l’immediato pagamento restante ovvero 9.000€ entro 7 giorni altrimenti ci portano via l’auto che ci serve per lavorare.
    Oggi l’unico stipendio effettivo viene portato in casa dalla mia morosa, mentre io da poco ho iniziato a lavorare in partita iva per un’azienda di distribuzione alimentare, precisamente latte con una provvigione pari a € 1.500,00 dove su questa cifra devo togliere il gasolio ammontante a € 400,00 mese a mie spese.

    La domanda che vi faccio è: possono portarci via l’auto anche se è intestata alla mia morosa?? Come possono procedere e come possiamo difenderci??

    Grazie per l’eventuale risposta, e chiedo scusa.
    Nicola V.

    1. Buongiorno, il rischio è che la finanziaria in questione notifichi a lei o alla sua compagna un pignoramento presso terzi. Se oltre a questa posizione debitoria ha altre esposizioni, potrebbe valutare l’accesso ad una procedura di sovraindebitamento. Ci rendiamo disponibili per una consulenza gratuita in modo da vagliare le possibilità di azione. Chiami il nostro numero 0523 33 73 31

  2. Gent.ma redazione buongiorno , intanto Vi ringrazio per la cortese risposta , chiedo gentilmente ancora una cosa .
    Supponiamo che un avv. consigliasse l’elettricista ad intraprendere un procedimento ordinario e alla fine della causa un giudice scrivesse la sentenza motivando che ” Non disponendo di partita IVA , sconosciuto al fisco , non iscritto alla camera di commercio, senza pagare contributi Inps / Inail senza requisiti tecnici professionali per effettuare la certificazione obbligatoria per legge, per questi motivi ,, …….SI RICONOSCE ALL’ATTORE SOLO 1/3 DELLA SOMMA RICHIESTA PARI AD EURO 14.000 ,00
    E magari in seguito dare facoltà al soggetto di pignorare c / c o parte della mia pensione.
    In conclusione : potrebbe concludersi a questo modo ?
    Grazie e buon lavoro
    Max

    1. Gentile Sig. Max, per approfondire ulteriormente quello che ci espone sarebbe opportuno si rivolgesse a un legale. Le auguro una buona giornata.

  3. Buonasera, un mio amico …..che tanto amico non è, in un primo momento si è proposto per aiutarmi a tempo perso a realizzare un impianto elettrico nella mia abitazione . Dopo 6 anni dalla fine dei lavori , tramite un messaggio SMS mi chiede di pagargli il lavoro svolto sei anni prima per un totale di sola mano d’opera per euro 28.000 ( il materiale l’ avevo acquistato io ) altrimenti se mi rifiuto mi trascina in tribunale . Ora considerando che questa persona non è iscritto alla camera di commercio, senza partita IVA , senza pagare contributi Inps e Inail , senza requisiti tecnici professionali per effettuare la certificazione obbligatoria per legge, sconosciuto al fisco, secondo Voi puo intraprendere vie legali ? E magari un domani con un titolo in mano rilasciato da un giudice , potrebbe pignorare la mia pensione?
    Grazie per una risposta , e colgo l’occasione per porgere distinti .
    Max.

    1. Gentile sig. Max,
      senza una fattura o altra prova documentale del credito è molto difficile procedere per decreto ingiuntivo. Il suo amico potrebbe incardinare un procedimento ordinario – con tutte le complicazioni del caso – , nel quale sicuramente le sue asserzioni varrebbero a sua difesa.

  4. leggo dal vostro articolo che le procedure familiari sono previste con l’entrata in vigore della nuova legge, ma l’OCC che ha la nostra pratica ci ha indicato di fare un’unica pratica per me e per mio figlio che avevamo un bar insieme.
    l’approccio del consulente è corretto?
    grazie

    1. Salve Marina,
      quello che le è stato proposto è un approccio a nostro avviso richioso: infatti ci risulta che alcune pratiche di sovraindebitamento proposte con la legge 3 2012 e che comprendevano più persona, anche della stessa famiglia, siano state rigettate, proprio perchè la norma attuale parte chiarende che “il debitore ecc ecc” e quindi interpretata letteralmente intende che ogni debitore debba presentare una sua singola praatica.
      considerate le difficoltà che questo comporta a livello pratico, il codice della crisi ha risolto il problema prevedendo procedure di sovraindebitamento familiari, ma purtroppo il codice per ora non è ancora in vigore.
      Piano Debiti

  5. Buonasera, ho debiti dovuti ad una attività precedente che ammontano a circa 60000 e ora percepisco uno stipendio di circa 1000 euro. È possibile accedere alla legge anche se il mio coniuge possiede la casa e ha uno stipendio buoni ma siamo in separazione dei beni?

  6. salve ho dei finanziamenti al 70% della mia busta con due figli e moglie a carico! mi sono rivolto a un avvocato di milano… ma non so se mi conviene! mi hanno chiesto 915€ al mese x 8 mesi e poi devo pagare un’altra cifra che al momento non conosco! forse è meglio pagare?? mi dite qualcosa? se voi siete diversi.. grazie

    1. Buongiorno Fabio,
      quello che le possiamo dire è che una pratica di sovraindebitamento è una cosa particolarmente delicata e importante, e consigliamo a tutti sempre di sentire più professionisti per affidarsi a quello che sembra maggiormente preparato sulla materia. Se l’avvicato che ha visto non la convince, senta qualcun’altro!
      Se vuole contattarci per un appuntamento gratuito sul ns ufficio di Milano in piazza Velasca, ci chiami o lasci i suoi dati nel form del sito. la richiameremo a breve per fissare il colloquio,
      Cordialmente
      Piano Debiti

  7. è più di un anno che la mia pratica è dall’occ e non riusciamo a sbloccare la situazione, continuano solo a chiedermi documenti su documenti. cosa posso fare Mariano

    1. Salve MAriano,
      un anno è un tempo molto lungo per la relazione dell’Occ. i motivi del ritardo possono essere diversi, dal fatto che la pratica sia stata male impostata, a un professionista che non le sta dedicando la giusta attenzione. Ci chiami per fissare un appuntamento, e vedremo se possiamo aiutarla. stiamo già gestendo alcuni casi come il suo e di solito la situazione si riesce a sbloccare.
      cordialmente Piano Debiti

    1. Buongiorno,
      per aiutarla è necessario avere maggiori informazioni circa la sua situazione, compili il form sul nostro sito e la ricontatteremo, altrimenti può telefonare al nostro numero verde – 800 090 598.
      Nel frattempo visiti le nostra pagine Saldo e Stralcio e Sovraindebitamento per avere più chiarimenti al riguardo.
      Grazie.

  8. buon giorno mi perdoni
    volevo semplicemente chiederle se ,per quanto riguarda la mia azienda personale, con ammanco di tante spese non pgate,devo chiuderla…e se devo presentare un issee per la richiesta di sovraidebitamento
    grazie mille giusto a livello informativo

    1. Buongiorno!
      Dovremmo sapere qualche informazione in più per darle una risposta esauriente. Possiamo parlarne al telefono, telefoni al 800 090 598 o compili il form sul nostro sito così la ricontatteremo.
      Grazie!

    1. Buongiorno, rispondere senza aver approfondito la sua situazione sarebbe un azzardo, quindi ci telefoni al 800 090 598 o compili il form sul sito, in modo da poter capire e risolvere i suoi problemi.
      Grazie, a risentirla!