Sovraindebitamento: omologata a Busto Arsizio procedura Legge 3 2012

Nuovo esito positivo per una proposta di accordo seguita da Piano Debiti come advisor del debitore

In un quadro complessivo dove poche procedure ex Legge 3 2012 giungono a buon fine, il modello di assistenza del debitore sviluppato da Piano Debiti conferma la sua validità. Si moltiplicano i casi di pratiche di sovraindebitamento andate a buon fine seguite dalla nostra società.

Anche nel caso in oggetto è stato proposto ai creditori (banche, finanziarie, Agenzia Entrate ex Equitalia  ed alcuni fornitori) un pagamento parziale. E’ stato depositato presso il Tribunale di Busto Arsizio un Accordo di composizione della crisi, come previsto dall’art 7 e seguenti della Legge 3 2012. L’Accordo, attestato dal nominato Organismo di Composizione della Crisi,  è stato ritenuto soddisfacente dalla maggioranza dei creditori. Il Tribunale ha potuto omologarlo positivamente. I debitori potranno pagare quanto gli è possibile e vedersi esdebitato il restante debito, ritrovando la serenità di una vita senza l’ansia di essere inseguiti dai creditori.

Scarica l’omologa

Il fatto

Ci siamo trovati di fronte alla pratica di marito e moglie con tre figli residenti a Busto Arsizio. Similmente a quanto avviene per tante famiglie in difficoltà, a causa di una serie di traversie personali si sono trovati impossibilitati a pagare i propri debiti.

Fino al 2010 il nucleo familiare vive serenamente dal punto di vista economico. Il marito può contare su un affermato lavoro come agente di commercio nel settore fotovoltaico. La moglie ha uno stipendio fisso a tempo indeterminato. Grazie a questa stabilità e alla donazione di un terreno da parte di un genitore, decidono di avviare la costruzione di una casa in cui trasferire la famiglia. Per la costruzione dell’immobile contraggono una serie di debiti.

Proprio nel momento del massimo impegno economico, la ditta dove lavora la moglie riduce il personale, licenziando la nostra assistita. Poco dopo, il settore del fotovoltaico va in crisi ad anche il marito è costretto a terminare la propria attività. I due debitori non riescono a finire la costruzione della nuova casa e neppure a sostenere le rate dei debiti.  Infine, alcune ditte coinvolte nella costruzione dell’immobile non sono pagate e mandano all’asta la casa.

I debitori nel corso degli anni ritrovano una nuova occupazione, ma ormai la situazione con le banche e con i fornitori è completamente deteriorata. L’ammontare del debito è diventato non sostenibile. Questo, oltre alla messa all’asta della casa, ha portato a decreti ingiuntivi, pignoramenti e ad una costante pressione delle società di recupero del credito che assillano giornalmente i due debitori.

Il marito è riuscito a riavviare un’attività in proprio, ma le difficoltà con il mondo bancario gli impediscono di accedere al credito. E’ per lui impossibile avere anche una semplice carta di credito. L’uomo vive con la costante paura che vengano pignorati i conti della ditta individuale e che Equitalia blocchi l’auto utilizzata per lavoro.

Puoi leggere anche:
Sovraindebitamento: omologato a Monza accordo di composizione della crisi

Il piano approvato

Di fronte ai numerosi debiti scaduti e all’unico reddito del marito, la sola possibilità era di proporre ai creditori un Piano basato sui redditi futuri del debitore. L’uomo si è impegnato a devolvere mensilmente una quota del proprio reddito per pagare almeno una parte del debito.

La quota mensile di 500 euro è stata calcolata in modo che alla famiglia rimanesse reddito a sufficienza per un’esistenza decorosa. I calcoli hanno dato anche una parziale soddifazione ai creditori a cui, nel corso di 7 anni, verrà restituito circa il 15% del debito scaduto.

La bozza di Piano elaborata da Piano Debiti, è stata prima sottoposta ed attestata dall’OCC, per poi essere depositata presso il Tribunale di residenza.  L’apertura della procedura ha portato alla sospensione dell’asta sull’immobile e delle procedure esecutive in attesa dell’esito della procedura stessa. In questo modo, il Tribunale è stato sgravato da un’ulteriore attività e i creditori da adempimenti lunghi ed onerosi. I creditori hanno approvato senza contestazioni e con oltre il 90% dei voti la proposta. La stessa è stata omologata, ovvero è diventata il piano di pagamenti a cui il debitore ed i creditori si devono attenere. Il soggetto indebitato ha potuto riabilitarsi completamente pagando quanto gli è possibile ed i creditori possono rientrare almeno di una parte dei soldi persi.

 

4.8/510 ratings

Un commento

  1. giuseppe 13/12/2017 al 18:51 - Rispondi

    o piacere leggere che persone come me si tranquillizzino con questi tipi di problemi e poter tornare a dormire la notte.

Scrivi un commento

Chiama gratis!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Impostazioni della Privacy

Quando visiti un sito web, questo potrebbe archiviare o leggere informazioni nel tuo browser, solitamente utilizzando dei cookies. Puoi controllare quali cookies vengono utilizzati su questo sito web e scegliere quali attivare o disattivare.

Questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito web e non possono essere disattivati.

Per utilizzare correttamente questo sito web, è necessario che i seguenti cookies tecnici siano abilitati.
  • PHPSESSID
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec
  • wp-settings-time

  • quform_

Per motivi di perfomance, utilizziamo Cloudflare come rete CDN. Questo salva un cookie "__cfduid" per applicare le impostazioni di sicurezza per ogni client. Questo cookie è strettamente necessario per le funzionalità di sicurezza di Cloudflare e non può essere disattivato.
  • __cfduid

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi