fbpx
Sovraindebitamento informazioni – FAQ Domande frequentiwebmaster2021-10-25T15:46:38+02:00

DOMANDE FREQUENTI

Abbiamo raccolto in un unica pagina tutte le domande più frequenti che sono state poste dai nostri clienti.
Pensiamo possano essere utili a chi ha ancora dubbi o incertezze.

Non siamo riusciti a dare una risposta ai tuoi dubbi?
Contattaci e cercheremo di darti tutte le risposte che ti servono.

Abbiamo raccolto in un unica pagina tutte le domande più frequenti che ci sono state poste dai nostri clienti.
Speriamo che possano essere utili a chi ha ancora dubbi o incertezze.

Non siamo riusciti a dare una risposta ai tuoi dubbi?
Contattaci e cercheremo di darti tutte le risposte che ti servono.

Che tipo di procedure esistono?Redazione Piano Debiti2015-11-17T14:23:36+01:00

La legge interessa soggetti molto diversi tra loro, per questo esistono procedure differenti per consumatori ed imprese e cioè: Piano del Consumatore, Accordo con i Creditori e Liquidazione del Patrimonio.

Chi decide l’ammontare della proposta da formulare all’interno del Piano?Redazione Piano Debiti2018-04-24T11:54:14+02:00

In caso di Piano Del Consumatore o proposta di accordo (piccolo concordato) lo decide il consumatore in collaborazione con i suoi consulenti. Nel caso della liquidazione del patrimonio, l’importo da devolvere alla procedura è deciso dal Giudice delegato.

Chi mi affiancherà nel percorso di accesso alla Legge 3 2012?Redazione Piano Debiti2017-10-18T11:39:27+02:00

Ogni pratica è seguita da un team di persone, ognuna con una specializzazione, che seguiranno la pratica fino alla predisposizione della documentazione da depositare in Tribunale. Nella fase finale viene coinvolto anche un legale per l’assistenza nella procedura.

Chi può accedere alla Legge 3/2012?Redazione Piano Debiti2020-11-02T15:53:45+01:00

Possono accedere alla Legge tutti i soggetti che non rientrano nelle disposizioni previste dalla legge fallimentare, ovvero: lavoratori dipendenti pubblici e privati, pensionati, aziende agricole, piccoli imprenditori e professionisti.

Per maggiori informazioni consulta l’articolo: Legge 3/2012: le dieci cose da sapere nel 2020.

Codice della Crisi e D.L.14/2019: quali sono le differenze?Redazione Piano Debiti2021-10-25T15:41:11+02:00

Nessuna differenza, sono due nomi diversi che riguardano lo stesso Decreto Legge, nato in attuazione della legge 155/2017.

Per approfondimenti consulta l’articolo: Legge 155 2017: la lista delle 10 cose da sapere.

Codice della Crisi e sovraindebitamento: quale rapporto esiste?Redazione Piano Debiti2021-10-25T15:41:10+02:00

Il codice della crisi dell’impresa e dell’insolvenza, è un nuovo codice che entrerà in vigore nel 2020 e che riforma completamente la normativa fallimentare, che risaliva al 1942. Il codice riguarda anche la disciplina del sovraindebitamento, in quanto le nuove norme assorbono la precedente legge 3 2012 che dall’agosto 2020 non sarà più in vigore, e verrà sostituita dal codice della crisi (D.L. 14 2019).

Per approfondimenti consulta l’articolo: Legge 155 2017: la lista delle 10 cose da sapere.

Come funziona la Legge 3/2012?Redazione Piano Debiti2020-11-02T15:53:55+01:00

Il debitore si confronta con un professionista per definire una proposta da fare ai propri creditori attraverso il Tribunale dove risiede. Esistono diverse procedure adatte a situazioni differenti.

Per maggiori informazioni consulta l’articolo: Legge 3/2012: le dieci cose da sapere nel 2020.

Come posso essere certo di poter accedere alla Legge 3 2012?Redazione Piano Debiti2020-11-02T16:10:05+01:00

Chiama subito il nostro numero verde 800 090598 e con la nostra consulenza gratuita scoprirai se il tuo caso rientra tra quelli previsti dalla Legge 3 2012. Non aspettare! Chiama subito.

Leggi la nostra guida completa: Sovraindebitamento: la guida per il debitore aggiornata.

Cos’è il Sovraindebitamento?Redazione Piano Debiti2020-11-02T16:10:50+01:00

Il sovraindebitamento è la difficile condizione di coloro che non riescono a ripagare i propri debiti con le disponibilità economiche a loro disposizione.

Leggi la nostra guida completa: Sovraindebitamento: la guida per il debitore aggiornata.

Cos’è l’Accordo con i creditori?Redazione Piano Debiti2020-11-02T16:11:34+01:00

E’ una delle tre procedure previste dalla Legge 3/2012 ed è riservato alle imprese. Si propone ai creditori un piano sostenibile che diventerà effettivo se approvato da almeno il 60% dell’ammontare del debito.

Leggi la nostra guida completa: Sovraindebitamento: la guida per il debitore aggiornata.

Cos’è la Legge 3 del 2012?Redazione Piano Debiti2020-11-02T15:52:40+01:00

La Legge 3 del 2012 è una disciplina che si pone l’obiettivo di porre rimedio alle situazioni di sovraindebitamento, attribuendo al debitore non fallibile la facoltà di proporre ai creditori un piano di ristrutturazione del debito.

Per maggiori informazioni consulta l’articolo: Legge 3/2012: le dieci cose da sapere nel 2020.

Cos’è la Liquidazione del patrimonio?Redazione Piano Debiti2021-08-02T15:42:02+02:00

Nelle situazioni debitorie più difficili è possibile chiedere al Tribunale di pagare il debito con la liquidazione del proprio patrimonio, ottenendo se sussistono le condizioni, l’esdebitazione di quanto non pagato.

Per maggiori informazioni leggi l’articolo: Liquidazione del patrimonio: cos’è e come accedere.

Cosa posso ottenere dalla Legge 3/2012?Redazione Piano Debiti2020-11-02T15:54:44+01:00

Il debitore può ottenere la soddisfazione dei creditori attraverso quanto può realmente pagare: l’ammontare del debito che non può essere pagato alla fine della procedura verrà esdebitato.

Per maggiori informazioni consulta l’articolo: Legge 3/2012: le dieci cose da sapere nel 2020.

Cosa si intende per “fresh start”?Redazione Piano Debiti2021-02-04T12:22:21+01:00

“A Fresh start” è il modo in cui vengono chiamate le procedure di sovraindebitamento nei paesi anglosassoni, dove da ormai molti anni è possibile risolvere le situazioni di sovraindebitamento accedendo a specifiche procedure di legge. “Fresh start” ha il significato di nuova partenza, ovvero di dare la possibilità alle persone di lasciarsi definitivamente alle spalle l’esperienza del sovraindebitamento e ripartire con il diritto di avere una vita dignitosa e serena.

Cosa significa esdebitarsi?Redazione Piano Debiti2020-11-30T14:38:05+01:00

Ottenere l’esdebitazione significa essere libero da ogni altro debito residuo ed essere riabilitato, ottenendo la cancellazione del proprio nominativo da ogni registro di cattivo pagatore.

Per maggiori informazioni consulta l’articolo: Esdebitamento: la guida pratica in 7 punti.

Decreto Legge 14/2019: cos’è?Redazione Piano Debiti2021-10-25T15:41:11+02:00

Il decreto Legge 14/2019 è il decreto con cui è stato istituito il “Codice della crisi dell’impresa e dell’insolvenza” in applicazione della legge 155 del 2017. IL codice riordina tutta la materia fallimentare, ed in particolare in tema di sovraindebitamento detta nuove disposizioni che vanno a modificare radicalmente la precedente legge 3 2012.

Per approfondimenti consulta l’articolo: Legge 155 2017: la lista delle 10 cose da sapere.

Dopo aver richiesto l’accesso alla Legge 3 2012, è morto un mio famigliare che mi ha lasciato numerosi debiti in eredità. Cosa devo fare?Redazione Piano Debiti2020-11-02T16:12:39+01:00

Pochi sanno che è possibile accettare l’eredità con beneficio di inventario, cioè avendo modo di verificare se sia conveniente accettarla oppure no. In questi casi è bene confrontarsi con un professionista (consulente specializzato o notaio) quanto prima.

Leggi la nostra guida completa: Sovraindebitamento: la guida per il debitore aggiornata.

E’ possibile chiedere aiuto a parenti e/o amici per avere fondi da mettere a disposizione del Piano?Redazione Piano Debiti2018-04-24T12:05:12+02:00

Sì, non solo è possibile, ma a volte un aiuto esterno contribuisce a formulare una proposta adeguata.

Ero socio di una Snc che ha chiuso con debiti residui. Posso sistemare solo la mia posizione?Redazione Piano Debiti2020-11-02T16:13:21+01:00

Sì. La procedura è personale e quindi sarà possibile portarla a termine anche se avviata da uno solo dei soci della snc in difficoltà.

Leggi la nostra guida completa: Sovraindebitamento: la guida per il debitore aggiornata.

Ho debiti e la casa all’asta, posso comunque accedere alla L 3 2012?Redazione Piano Debiti2020-11-30T14:37:01+01:00

Si potrebbe ironicamente dire che chi ben comincia è a metà dell’opera, cioè sarebbe meglio avviare la procedura ai primi sintomi di difficoltà nei pagamenti, senza attendere che le azioni dei creditori colpiscano il nostro patrimonio. Se ci troviamo però nella situazione di avere già il pignoramento dello stipendio o la casa messa all’asta, è comunque possibile intervenire. Se possibile, si proverà a salvare la casa. Diversamente, la procedura potrebbe comunque permettere di sanare i debiti che non verranno pagati con la vendita dell’immobile e uscire da questa brutta esperienza ripartendo liberi dai debiti.

Per maggiori informazioni consulta l’articolo: Casa pignorata cosa fare? Evita che finisca all’asta.

Ho numerosi debiti che non riesco a pagare e i creditori minacciano di portarmi via la casa. Con la L 3 2012 posso salvarla?Redazione Piano Debiti2020-11-02T16:13:13+01:00

Salvare la propria casa è uno dei primi obiettivi che spinge il debitore a trovare una soluzione. Certamente è possibile salvare l’immobile ma sarà necessario pagare in parte i creditori. In linea generale vale il principio che più vale la casa, più il debitore dovrà dare. Ci spieghiamo con un paradosso: se sono proprietario di una villa che vale mezzo milione di euro e i miei debiti ammontassero a una cifra molto minore, poniamo 100.000 euro, con grande probabilità anche con la procedura dovrò pagare tutto. Se invece i miei debiti fossero pari a mezzo milione di euro e il valore della casa pari a centomila, potrò offrire ai miei  creditori un pagamento molto parziale di quanto dovuto.

Leggi la nostra guida completa: Sovraindebitamento: la guida per il debitore aggiornata.

Ho prestato garanzie per un prestito che non è stato ripagato. Essendo a mia volta in condizioni di sovraindebitamento, e non riuscendo a sostenere anche questa spesa, posso accedere alla Legge 3 2012?Redazione Piano Debiti2020-11-02T16:14:57+01:00

Nel momento in cui una fidejussione o una garanzia relative ad un debito contratto da un’altra persona, vengono richieste al garante (tecnicamente si parla di escussione della fidejssione) diventano debiti anche di quest’ultimo, e pertanto possono essere inseriti in una procedura di sovraindebitamento. Di conseguenza è corretto affermare che si può accedere alla Legge 3 2012 anche per i debiti relativi a fidejussioni prestate ed escusse dal creditore.

Leggi la nostra guida completa: Sovraindebitamento: la guida per il debitore aggiornata.

Ho solo debiti con Equitalia, mi conviene accedere alla legge?Redazione Piano Debiti2020-11-17T09:58:02+01:00

Certamente! Le procedure fissate dalla Legge 3 2012 consentono ai contribuenti la possibilità di sistemare anche la propria posizione con Equitalia. Tuttavia l’Iva non può essere abbattuta, ma è però possibile dilazionare il pagamento. La procedura di sovraindebitamento può permettere di pagare una parte del debito con Equitalia vedendo esdebitata la restante parte. La percentuale che sarà possibile non saldare dipende dalle possibilità economico patrimoniali di ogni soggetto e va valutata di caso in caso.

Per maggiori informazioni sui debiti Equitalia leggi il nostro articolo: Debiti Equitalia: si possono risolvere a Saldo e Stralcio?

Ho un’asta/pignoramento: potete bloccarli?Redazione Piano Debiti2020-11-02T16:15:35+01:00

La risposta è sì, anche se non siamo noi a bloccarli. Una volta preparata e depositata la pratica in Tribunale tutte le azioni esecutive verranno sospese dalla procedura di sovraindebitamento. Servono dei tempi tecnici, per cui è meglio agire per tempo. Capita che purtroppo qualche cliente ci contatti poco tempo prima dell’asta: in questi casi è difficile fare miracoli, mentre qualche mese prima è un tempo di norma sufficiente.

Leggi la nostra guida completa: Sovraindebitamento: la guida per il debitore aggiornata.

Ho una malattia/sono invalido, posso accedere alla Legge?Redazione Piano Debiti2020-11-02T15:55:24+01:00

Certamente sì: la difficile condizione di coloro che hanno difficoltà a causa di malattie può essere una condizione di meritevolezza che aiuta ad ottenere un risultato positivo.

Per maggiori informazioni consulta l’articolo: Legge 3/2012: le dieci cose da sapere nel 2020.

In quanti anni si prescrivono i debiti verso l’INPS?webmaster2021-10-25T16:30:09+02:00

I debiti previdenziali si prescrivono in cinque anni come previsto dalla Legge 335/1995.

Questo termine va calcolato dall’ultima notifica ricevuta, quindi dall’ultima cartella di pagamento che ci ha inviato direttamente l’Inps o Agenzia delle Entrate riscossione

La prescrizione dei debiti inps, infatti scatta solo dopo cinque anni dall’ultima comunicazione che interrompe la prescrizione: ad esempio se il debito inps è di 8 anni fa, ma dopo quattro anni ti è arrivata una richiesta di pagamento, il debito non sarà ancora prescritto.

Sulle regole generali della prescrizione dei debiti puoi anche leggere il nostro articolo dedicato: Prescrizione debiti: quando scade l’obbligo pagare.

In quanto tempo posso risolvere la mia situazione?Redazione Piano Debiti2015-11-17T14:21:02+01:00

Per portare a termine una procedura servono dai sei agli otto mesi, ma si possono bloccare pagamenti ed esecuzioni (aste immobiliari ad esempio) con la presentazione del piano.

In questo momento sono disoccupato, posso accedere alla Legge?Redazione Piano Debiti2020-11-02T15:55:44+01:00

Sicuramente sì: sarà necessario analizzare la situazione per capire quale offerta proporre ai creditori. La perdita del lavoro potrebbe essere una condizione di meritevolezza che aiuta ad ottenere un risultato positivo.

Per maggiori informazioni consulta l’articolo: Legge 3/2012: le dieci cose da sapere nel 2020.

La Legge 155 2017 e Codice della Crisi, quali differenze?Redazione Piano Debiti2021-10-25T15:41:12+02:00

La legge 155/2017 è la legge approvata dal parlamento che incarica il governo di provvedere a una completa riscrittura di tutta la legge fallimentare, dettando i punti generali della nuova norma. Il Codice, invece, scritto dal Governo, in attuazione della legge delega, contiene il dettato normativo relativo alla riforma della legge fallimentare e sul sovraindebitamento.
Pertanto il testo corretta a cui fare riferimento per il sovraindebitamento è il Codice della Crisi e dell’Insolvenza.

Per approfondimenti consulta l’articolo: Legge 155 2017: la lista delle 10 cose da sapere.

La Legge 155 2017: quando entra in vigore?Redazione Piano Debiti2021-10-25T15:41:12+02:00

In attuazione della Legge 155 2017, è stato approvato il Codice della Crisi e dell’Insolvenza, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 15 febbraio 2019. La norma andrà in vigore 18 mesi dopo la pubblicazione in Gazzetta e pertanto per quanto riguarda le procedure di sovraindebitamento, andrà in vigore a partire al 16 agosto 2020.

Per approfondimenti consulta l’articolo: Legge 155 2017: la lista delle 10 cose da sapere.

La mia casa è già stata venduta all’asta, ma ho ancora molti debiti. La Legge 3 2012 mi può comunque aiutare?Redazione Piano Debiti2020-11-02T16:14:44+01:00

Purtroppo anche se si è arrivati al punto in cui la nostra casa è stata venduta all’asta, non sempre la situazione debitoria è risolta. L’immobile di proprietà infatti, ogni volta che va all’asta, subisce dei ribassi, derivanti dal deprezzamento dell’immobile stesso. Quindi, nel caso in cui anche dopo questa vendita rimangano dei debiti residui, i creditori vanno nuovamente all’attacco di ciò che rimane (ad es. un conto corrente) oppure portano avanti azioni verso chi ha eventualmente prestato delle garanzie.
Con la Legge 3 2012 è possibile intervenire e risolvere la situazione, pervenendo ad una definitiva esdebitazione.

Leggi la nostra guida completa: Sovraindebitamento: la guida per il debitore aggiornata.

La procedura di sovraindebitamento cancella le mie posizioni come cattivo pagatore in Crif?Redazione Piano Debiti2020-11-30T15:16:58+01:00

Quando il debitore attiva una procedura di sovraindebitamento rispetto alle banche dati private come Crif, viene attivato un processo in due fasi che alla fine porterà alla cancellazione dalla banca dati dei cattivi pagatori.

In una prima fase il debitore viene classificato come “a rientro” fino a quando il la procedura di sovraindebitamento non viene chiusa. Per spiegare meglio, se il piano che viene proposto ai creditori prevede una proposta dove pago il 30% del debito in due anni, fino a quando questo 30% non viene versato, l’iscrizione in Crif verrà classificata come “a rientro”. Questa classificazione è generica e riguarda tutti i debiti che sono stati in varie forme rinegoziati.

Dopo che il piano viene saldato, invece, la banca dovrà comunicare il completamento del rientro e quindi il cliente dovrà essere cancellato come cattivo pagatore. I dati verranno aggiornati con i tempi previsti dalla normativa.

Per maggiori approfondimenti leggi il nostro articolo: Cattivi pagatori: tutto quello che devi sapere per uscirne.

Lasciandovi i miei dati mi dite subito come posso risolvere i miei problemi?Redazione Piano Debiti2017-10-18T11:42:38+02:00

Il primo passo è sempre un colloquio telefonico, dove la nostra incaricata ti farà alcune domande per capire meglio la tua situazione debitoria. Una volta valutato il caso nel suo complesso, potremo dirti se rientra all’interno della casistica prevista dalla Legge 3 2012 e se è conveniente accedervi.

Mi hanno venduto la casa: posso accedere alla legge?Redazione Piano Debiti2021-10-25T15:41:11+02:00

La risposta è si: anche se tutto il tuo patrimonio è già stato aggredito dai creditori (ad esempio la casa è stata venduta all’asta), una delle grandi novità della legge 155 2017 è quella che viene prevista una procedura specifica per aiutare le persone che non hanno nessun patrimonio. questa procedura si chiama “esdebitazione del debitore incapiente“, e permette al debitore in difficoltà che non ha più nessun bene di essere completamente riabilitato con la cancellazione di tutti i beni.

L’unica differenza sostanziale con le altre procedure è che si può utilizzare l’esdebitazione del debitore incapiente una sola volta nella vita.

Per maggiori informazioni consulta l’articolo: Casa pignorata cosa fare? Evita che finisca all’asta.

Non ho ben capito di cosa si tratta: cosa posso fare?Redazione Piano Debiti2020-11-02T16:18:51+01:00

Come quasi tutte le leggi italiane, la Legge 3 2012 non è di facile comprensione e le molte informazioni presenti su Internet (spesso poco accurate o fuorvianti) non aiutano la chiarezza. Uno dei nostri obiettivi è spiegare chiaramente e con parole semplici la normativa a chi ci contatta. Quando una persona in difficoltà esce da un appuntamento con un nostro collaboratore, ed ha le idee chiare sulle possibilità della legge 3 2012, abbiamo già raggiunto un importante obiettivo!

Leggi la nostra guida completa: Sovraindebitamento: la guida per il debitore aggiornata.

Non ho più patrimonio, posso accedere alla Legge?Redazione Piano Debiti2021-08-02T15:41:14+02:00

Sì, sarà necessario valutare eventuali garanzie a supporto del piano, anche da parte di altre persone.

Per maggiori informazioni leggi l’articolo: Liquidazione del patrimonio: cos’è e come accedere.

Occorre avere un debito minimo prefissato per accedere alla Legge 3 2012? Ad es. 50.000 euro?Redazione Piano Debiti2021-08-02T15:45:13+02:00

La norma non prevede minimo di debiti, ma solamente che sia accertato lo stato di sovraindebitamento ovvero lo squilibrio tra i debiti e la possibilità di pagarli. Anche se la norma non pone importo minimo, il buonsenso dovrebbe però guidare il debitore a utilizzare la procedura per somme di almeno qualche decina di migliaia di euro. Per somme minori i costi della procedura stessa rischiano di incidere pesantemente e anche le obbligazioni a cui si sottopone il debitore possono essere sproporzionate rispetto al problema da risolvere.

Per maggiori informazioni consulta l’articolo: Legge 3/2012: le dieci cose da sapere nel 2020.

Perché devo sostenere un costo?Redazione Piano Debiti2017-10-18T11:33:38+02:00

Il costo di qualsiasi attività professionale è legato sia alle ore di lavoro necessarie per svolgere l’attività, sia alla competenza specialistica che abbiamo dovuto costruire per darti un servizio di qualità. Ti invitiamo solo a riflettere che una pratica di sovraindebitamento è probabilmente una delle cose più importanti che una persona farà nella propria vita ed essere sostenuti da un servizio di qualità è fondamentale per non andare incontro a facili fallimenti e delusioni.

Piano Debiti ha un costo?Redazione Piano Debiti2017-10-18T11:32:28+02:00

Dovrai sostenere un costo solamente se deciderai di affidarci l’incarico di seguirti. Il costo ti sarà esposto in fase di analisi della tua situazione personale. Capiamo il momento di difficoltà economico che i nostri clienti devono affrontare e per