Un altro debitore risolve la propria situazione grazie all’intervento di Piano Debiti: il Tribunale di Reggio Emilia, con provvedimento del 17 dicembre 2020, ha infatti accolto la domanda di apertura della liquidazione ex legge 3/2012.

Come spesso capita, una famiglia entra pian piano nel tunnel dei debiti quasi senza accorgersene, per poi ritrovarsi, nel giro di pochi anni, ad annaspare in una situazione di sovraindebitamento da cui sembra impossibile uscire.

Ma grazie all’intervento di un professionista del settore, come Piano Debiti, è possibile analizzare con calma la situazione e trovare la soluzione migliore per uscire dai debiti in breve tempo, tornando alla normalità di tutti i giorni.

SCARICA L’OMOLOGA

Una vita tranquilla, finché c’era il lavoro

Il caso che vi riportiamo oggi è quello del sig. Andrea (nome fittizio), che conduceva insieme alla moglie e al loro figlioletto una vita tranquilla e senza pensieri, fino a quando alcuni eventi sfortunati hanno comportato delle improvvise difficoltà economiche e reso più complicato arrivare a fine mese.

Infatti, le rinnovate esigenze familiari legate alla nascita del figlio hanno indotto il nostro cliente a trasferirsi con la famiglia dalla casa di proprietà in una casa in affitto, per abitare più vicino al luogo di lavoro della moglie.

La vecchia casa veniva, quindi, concessa in locazione ad un’altra famiglia, che però si rivelava subito morosa. Le spese legate alla nuova casa di abitazione, pertanto, non venivano compensate dalle sperate entrate. E in più c’era ancora il mutuo della casa di proprietà da pagare.

Tutto questo induceva il sig. Andrea a richiedere dei prestiti presso le banche, anche per far fronte alle normali esigenze di sostentamento della propria famiglia.

Ma le avversità, come dice il proverbio, non arrivano mai da sole: la crisi economica che ha colpito un po’ tutti portava il nostro cliente a chiudere la propria ditta individuale. Successivamente, il suo nuovo datore di lavoro lo collocava ben presto in cassa integrazione.

Le entrate familiari, quindi, risultavano sempre più esigue, e il sig. Andrea era costretto a chiedere nuovi finanziamenti, entrando così in un vero e proprio circolo vizioso: in sostanza, i nuovi prestiti non bastavano nemmeno a pagare i vecchi prestiti, e oltre a tutto ciò occorreva far fronte alle esigenze quotidiane della famiglia.

Risultato? Con il tempo, l’esposizione debitoria del nostro cliente è arrivata a una somma di ben 200.000 euro dovuti alle banche.

 

La soluzione giusta: affidarsi a Piano Debiti

La situazione appena descritta è comune a quella di tantissime famiglie italiane, che stanno subendo gli effetti di una crisi che ha colpito l’intero Paese e che si ritrovano, senza alcuna colpa, nella morsa dei creditori.

È a questo punto che bisogna rivolgersi ad un professionista del settore, per evitare di farsi prendere dal panico e affidarsi a qualcuno che possa analizzare la situazione con la dovuta competenza e lucidità.

Piano Debiti è da molti anni al fianco delle famiglie italiane, per aiutarle a trovare la soluzione migliore per uscire dai debiti, nel rispetto delle legittime esigenze dei creditori.