Cosa serve realmente sapere a proposito della normativa Legge 155 del 2017?

Di seguito una lista delle 10 cose principali da sapere sulla normativa:

1) Legge 155 del 2017: di cosa parliamo

Grazie alla Legge 155 2017 è stato approvato il Codice della Crisi e dell’Insolvenza, che tra le altre cose disciplina alcune procedure con l’obiettivo di porre rimedio alle situazioni di Sovraindebitamento.

Stabilisce procedure semplici per proporre ai propri creditori un piano di rientro basato su quanto si può realmente pagare: ciò che rimane, verrà esdebitato, ovvero il debito viene definitivamente cancellato.

2) Legge 155/2017 e Legge 3/2012: quali differenze?

La legge 3 2012 è stata la prima che ha introdotto in Italia la possibilità per il debitore in difficoltà di essere esdebitato: la legge 155 2017, supera la precedente, sostituendola con procedure più semplici e di più facile applicazione.

Questo si è reso necessario, perché la legge 3 2012, pur avendo aiutato molte persone a uscire dall’incubo dei debiti, in molti altri casi si è dimostrata troppo restrittiva o difficilmente accessibile. Quindi in sintesi possiamo dire che la Legge 155 del 2017 va a sostituire vantaggiosamente la legge 3 2012.

Legge 155 2017: definizione di Sovraindebitamento

La definizione di Sovraindebitamento è prevista all’art. 2, lett. c) del Codice della Crisi e dell’Insolvenza come: ““sovraindebitamento”: lo stato di crisi o di insolvenza del consumatore, del professionista, dell’imprenditore minore, dell’imprenditore agricolo, delle start – up innovative“.

In altre parole, il Sovraindebitamento non è altro che la difficile condizione di coloro (in particolare consumatori) che non riescono a ripagare i propri debiti con le loro possibilità economiche.

3) Legge 155 del 2017: a chi si rivolge?

Possono accedere alle procedure previste da questa normativa tutti i soggetti che secondo l’ordinamento italiano non sono fallibili. Nello specifico: persone fisiche, piccoli imprenditori non fallibili (ovvero in estrema sintesi quelle con un fatturato annuo inferiore a 200.000 euro e debiti per meno di 500.000 euro, oltre ad un patrimonio inferiore a 300.000 euro) e professionisti, Startup ed aziende agricole.

4) Legge 155 2017: i vantaggi

Il debitore in difficoltà può ottenere la soddisfazione dei creditori attraverso quanto può realmente pagare nella sua condizione economica attuale. Attraverso le procedure di sovraindebitamento è inoltre automatica:

  • La sospensione delle azioni esecutive (pignoramenti, aste sulla casa, ecc…);
  • L’esdebitazione da quello che non si riesce a pagare.

Le procedure di sovraindebitamento liberano il debitore che le utilizza normalmente in un periodo tra i tre ed i cinque anni, più breve di quello previsto dalla precedente legge 3 2012, c