Si intende per sovraindebitamento lo squilibrio tra le disponibilità liquide e le obbligazioni contratte da una persona fisica o soggetto giuridico. Il concetto di sovraindebitamento come sopra espresso è entrato nel sistema giuridico italiano a partire dal 2012 con la Legge 3 2012, “Disposizioni in materia di usura ed estorsione, nonché di crisi di sovraindebitamento”. A partire dal 2015 si sono viste le prime omologhe di sovraindebitamento che confermano in concreto la possibilità di ottenere una rimodulazione del debito in funzione delle possibilità economiche del creditore, con in alcuni caso forti riduzioni di quanto viene restituito.