HomeBlogGuide Sovraindebitamento PDFFac simile modello liquidazione controllata

Fac simile modello liquidazione controllata

Tra le tante richieste che ci arrivano ogni giorno c’è quella di avere a disposizione un modello di atto relativo alla Liquidazione controllata del sovraindebitato ex artt. 268- 277 del c.d. Codice della Crisi d’Impresa e dell’Insolvenza (ex liquidazione del patrimonio nella vecchia legge 3 2012), ovvero un modello di liquidazione controllata fac simile da poter utilizzare in caso di necessità.

Si tratta della procedura che fino al 2022 era normata dalla legge 3 2012 e chiamata liquidazione del patrimonio, che è stata modificata e rinominata “liquidazione controllata” con l’entrata in vigore del Codice della Crisi.

Purtroppo, non è possibile fornire fac-simile universale in quanto ogni liquidazione controllata è diversa dall’altra, però il file che trovate allegato in questo articolo costituisce sicuramente una valida struttura di base da poter personalizzare in funzione del singolo caso un’istanza di liquidazione controllata del sovraindebitato.

Sarà quindi sempre necessario personalizzare la struttura ed i contenuti, ma abbiamo comunque ritenuto utile pubblicare un modello di base, che possa servire da guida su come impostare l’atto, i contenuti per l’istanza di liquidazione controllata.

Se prima di scaricare la bozza fac-simile ti serve approfondire il funzionamento della liquidazione controllata, puoi leggere la nostra guida dedicata https://pianodebiti.it/liquidazione-controllata-del-sovraindebitato/.

Liquidazione controllata: fac simile

Abbiamo deciso di condividere il fac simile liquidazione controllata del sovraindebitato, in formato Word (.docx) per poter facilmente modificarlo a seconda delle tue esigenze. Per eventualmente stamparlo trovi anche lo stesso fac simile come modello di liquidazione controllata in PDF.
Il modello di liquidazione controllata pubblicato, è chiaramente uno dei modelli possibili, ed è quello che secondo l’esperienza di Piano Debiti ha normalmente la migliore funzionalità; è stato strutturato suddividendo le informazioni che è necessario inserire, secondo un modello che ne renda organizzati e fruibili i contenuti.

Lo schema di base andrà adattato alle caratteristiche del singolo cliente. Inoltre, alcuni tribunali, richiedono che vengano aggiunti documenti o informazioni non specificamente previsti dalla normativa, e sarà necessario tenerne conto nella predisposizione della domanda di liquidazione controllata del sovraindebitato

Scarica il fac simile liquidazione controllata del sovraindebitato PDF

Scarica il fac simile liquidazione controllata del sovraindebitato DOCX

Liquidazione controllata modello: come compilarlo

Premesse

Le premesse, sono individuabili secondo quanto previsto dal Codice della Crisi, e vanno adattare al caso. Ad esempio, a seconda della qualifica del debitore (consumatore, imprenditore, etc) le premesse andranno modificate.

La situazione del ricorrente


In questa sezione sarà opportuno inserire la situazione personale del debitore, e la sua storia, con particolare riferimento agli eventi che hanno determinato il sovraindebitamento, in modo da dare l’opportunità al giudice di inquadrare con facilità il caso, e valorizzare gli elementi di mancanza di colpa nel determinare la situazione da parte del debitore.

Dalla meritevolezza alla colpa grave o frode

Da qualche anno il concetto di meritevolezza del debitore è stato sostituito da un più chiaro e meno impattante “assenza di colpa grave o frode”, ma la diligenza rimane uno dei punti su cui si giocano le possibilità di ottenere la futura esdebitazione. .
Sarà quindi necessario dettagliare quanto più possibile le motivazioni per cui il cliente possa essere ritenuto meritevole, sottolineando le motivazioni “non prevedibili” che lo hanno portato in una situazione di difficoltà economica, ovvero la perdita del lavoro, il divorzio, etc. Andrà inoltre evidenziato il comportamento diligente nei confronti dei creditori, ed in generale nella gestione della crisi del sovraindebitamento.

Per una disamina approfondita del concetto di colpa grave o frode, ti rimandiamo a questo contributo del dott. Matteo Arata sul tema che riporta le principali determinazioni dei tribunali di merito  https://pianodebiti.it/codice-della-crisi-meritevolezza-del-consumatore/

Situazione debitoria


Anche se non espressamente previsto dal Codice della Crisi d’impresa, nel nostro fac simile liquidazione del sovraindebitato, riteniamo utile suddividere i debiti in classi di creditori con diritti omogenei (ad esempio prededucibili, privilegiati, chirografi, etc.). La classificazione rende più immediata la comprensione del piano e la verifica del rispetto dell’ordine dei privilegi.

Situazione patrimoniale

Inserire una breve descrizione del patrimonio dal liquidare e se presenti dettagliare le poste patrimoniali che non sono incluse nella liquidazione. Sarà necessario anche dettagliare l’importo mensile del reddito da escludere dalla liquidazione per le esigenze di vita del debitore e del suo nucleo familiare.

Liquidazione controllata formulario: le fasi

Va premesso, che la procedura di sovraindebitamento è tecnicamente una procedura concorsuale, cosiddetta minore, da presentarsi presso il Tribunale di residenza e pertanto ricalca in parte i passaggi della analoga procedura maggiore. Ricordiamo in estrema sintesi i passaggi fondamentali:

  • Verifica con il cliente se la procedura è attivabile e se è conveniente rispetto alle richieste del soggetto sovraindebitato;
  • Se la normativa sul sovraindebitamento è la soluzione, sarà necessario: raccogliere la documentazione necessaria al deposito ed all’attestazione dell’OCC. In seguito, predisporre elenchi accurati dei tuoi debiti, del tuo patrimonio, e degli atti dispositivi degli ultimi cinque anni;
  • verificare che gli atti dispositivi non abbiamo leso i diritti dei tuoi creditori (ovvero che non siano in frode ai creditori);
  • Stendere la bozza di richiesta di liquidazione da sottoporre al tribunale.;
  •  Nomina di un OCC e richiesta della relazione di attestazione;
  •  Ottenuta la relazione da parte dell’OCC, deposito di proposta ed allegati presso il Tribunale di residenza;
  • Una volta depositata la richiesta di apertura di una liquidazione controllata, verrà vagliata dal giudice delegato;
  • Decisione del giudice, che potrà essere di apertura della procedura o respingimento. Il giudice ha anche la possibilità di richiedere integrazioni motivate.
  • Dopo tre anni dall’apertura della procedura, il debitore ha diritto di richiedere l’esdebitazione ovvero che gli siano cancellati i debiti non pagati.

Come si può capire si tratta di un percorso abbastanza complesso, ma il premio, ovvero la completa cancellazione di quanto non pagato, è sicuramente un risultato che può cambiare in meglio la vita di molte persone.

Esempio liquidazione controllata del sovraindebitato

Se invece cerchi un modello di liquidazione controllata da utilizzare come esempio di pratica approvata, puoi visitare la sezione “Sentenze Sovraindebitamento” per approfondimenti su casi di liquidazione controllata omologati con successo da Piano Debiti. Trovi tutte le sentenze relative alle procedure di sovraindebitamento, tra cui il piano del consumatore esempio.

Piano Debiti: il sovraindebitamento è la nostra specializzazione

La nostra esperienza ci dice che, ancora oggi a sei anni dall’approvazione della normativa sul sovraindebitamento, molti piani del consumatore non vanno a buon fine perché male impostati, ovvero manca una parte della documentazione necessaria. A volte semplicemente perché si è richiesto qualcosa che non si può ottenere.

In molti altri casi, il debitore mal seguito, ottiene risultati molto inferiori di quelli che potrebbe ottenere se consigliato ed assistito da persone preparate.

Comprendere che per uscire dai debiti serve un aiuto è il primo passo per risolvere la situazione. Il secondo passo è avere aspettative ragionevoli e l’aiuto di un esperto di procedure di sovraindebitamento, che ben conosca la legge e che possa dimostrare di aver portato a termine con successo altri casi. Sarà il consulente a predisporre quanto necessario e a sottoporre all’OCC la proposta di risanamento delle posizioni debitorie.

Rivolgendoti a Piano Debiti, non solo sarai seguito da esperti della materia, ma da persone che hanno l’obiettivo di aiutarti e affiancarti, e che hanno fatto della soluzione di casi di sovraindebitamento il loro lavoro di ogni giorno.

Risorse esterne: https://st.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2012-12-15/aiuto-default-consumatore-081702.shtml?uuid=Ab9pwKCH