Crif consumatore: come ottenere la cancellazione?

Autore: Ufficio Studi Piano Debiti

Crif consumatore: cos’è?

Moltissimi consumatori italiani, secondo Banca d’Italia circa 900.000, sono segnalati come cattivi pagatori e non sanno come ottenere la cancellazione della loro Crif.

Quando un consumatore effettua in ritardo i pagamenti del finanziamento a lui intestato oppure non versa quanto dovuto, viene segnalato come cattivo pagatore. Esistono banche dati che registrano questa informazione e la mettono a disposizione degli altri istituti. La banca dati più famosa è Crif, ma tra le altre possiamo citare Experian e il Consorzio Tutela del Consumatore.

Crif consente ai vari enti creditizi di verificare se il soggetto che richiede il prestito sia stato in passato un cattivo pagatore e può quindi, eventualmente, evitare di concederglielo sapendo di trovarsi in una situazione con un’alta probabilità di non riavere la somma prestata. Serve quindi agli istituti per valutare il grado di affidabilità e soprattutto di solvibilità del soggetto interessato. Si capisce quindi che l’iscrizione al Crif, o meglio essere segnalati nella sua banca dati come cattivo pagatore, rende particolarmente difficile l’accettazione di un prestito da parte delle banche e degli istituti finanziari.

Per questo motivo diventa fondamentale per i consumatori ottenere la cancellazione della Crif.

Crif consumatore

Crif consumatore: perché è importante ottenerne la cancellazione?

Aver dimostrato di non essere un debitore affidabile rende molto difficile ottenere nuovo credito. Questo capita anche se il ritardo nel pagamento è stato causato da un momento di difficoltà passeggera ora superata. Almeno per il lasso di tempo in cui i nostri dati restano registrati nel Sistema di Informazioni Creditizie.

Infatti, fino a quando il consumatore non otterrà la cancellazione della Crif, dovrà affrontare una serie di dinieghi ogni volta che affronterà una spesa: ad esempio l’acquisto di un qualcosa o la richiesta di un prestito (o di un mutuo).

Se il consumatore ha ritardato a pagare delle rate oppure non sta pagando, le segnalazioni si possono cancellare solamente in due casi., che illustriamo qui sotto.

La segnalazione è scaduta

La legge stabilisce dei tempi tecnici per la conservazione dei dati negativi (cioè di chi non paga) in Crif. Alla loro scadenza il debitore viene automaticamente cancellato. In un precedente articolo abbiamo elencato le tempistiche dei vari casi

Puoi leggere anche:
Cancellazione Crif: come ottenerla senza anticipare i costi

Ci preme sottolineare però che in moltissimi casi occorrono anni. Nel caso in cui il pagamento non sia ancora stato sanato, ad esempio, devono essere passati 36 mesi dall’ultimo aggiornamento della banca. Ovviamente se la banca continua ad aggiornare i dati, in modo comunque legale, il consumatore risulterà non esse mai cancellato.

Quando i termini vengono superati, Crif cancella i dati automaticamente.

Raramente, nell’1 o 2% dei casi, a causa di errori, i dati rimangono registrati oltre i termini. Diffidate in questi casi dalle società che, in modo ingannevole, propongono la cancellazione della Crif del consumatore chiedendo un pagamento solo per verificare che i termini non siano scaduti.

Dopo aver pagato potreste sentirvi dire che non si può fare nulla!

La segnalazione è illegittima perché contiene un vizio di forma

Gli istituti bancari e finanziari, nel momento in cui effettuano una segnalazione come cattivo pagatore, devono essere molto attenti a rispettare tutte le regole e normative in vigore. Infatti, in caso di errore, l’istituto deve subito cancellare la segnalazione effettuata. Sono errori generalmente causati dalla mancanza di qualche passaggio o elemento, errori che però solamente un valido professionista può rilevare.

Piano Debiti ti può aiutare!

Per capire se anche la tua Crif consumatore si può cancellare, occorre analizzare tutta la documentazione con grande attenzione.

Inoltre è preferibile che questo controllo venga fatto da un professionista esperto in diritto o finanza.

  • Piano Debiti effettua l’analisi e la cancellazione della Crif consumatore con un piccolo costo da sostenere “a success”, cioè solo se raggiunge un risultato positivo.
  • Piano Debiti analizza subito la tua pratica gratuitamente, così puoi sapere quanto prima se è effettivamente cancellabile;
  • Se Piano Debiti individua delle anomalie, la pratica può partire senza costo anticipato da parte del cliente.
  • Il nostro cliente ci pagherà solo nel momento dell’avvenuta cancellazione della Crif, altrimenti nulla ci sarà dovuto!

Non sbagliare strada! Scegli Piano Debiti!

Vi segnaliamo alcuni link utili per comprendere meglio l’argomento:

https://www.bancaditalia.it/servizi-cittadino/servizi/accesso-cr/faq-cr/faq-cr.html

https://it.wikipedia.org/wiki/Centrale_rischi

 

5/52 ratings

Scrivi un commento

Chiama GRATIS (9.00-17.00)

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Impostazioni della Privacy

Quando visiti un sito web, questo potrebbe archiviare o leggere informazioni nel tuo browser, solitamente utilizzando dei cookies. Puoi controllare quali cookies vengono utilizzati su questo sito web e scegliere quali attivare o disattivare.

Questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito web e non possono essere disattivati.

Per utilizzare correttamente questo sito web, è necessario che i seguenti cookies tecnici siano abilitati.
  • PHPSESSID
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec
  • wp-settings-time

  • quform_

Per motivi di perfomance, utilizziamo Cloudflare come rete CDN. Questo salva un cookie "__cfduid" per applicare le impostazioni di sicurezza per ogni client. Questo cookie è strettamente necessario per le funzionalità di sicurezza di Cloudflare e non può essere disattivato.
  • __cfduid

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi