In caso di mancato pagamento delle rate di un prestito, le banche si rivolgono spesso a società di recupero crediti per la riscossione di quanto dovuto.

Il recupero crediti è un’attività che si rende necessaria ogni qual volta il debitore non paga quanto dovuto.

Spesso tale attività viene svolta da un’agenzia specializzata, che gestisce la riscossione dei crediti per conto terzi.

Ciò accade regolarmente, ad esempio, in caso di debito bancario oppure quando il creditore sia un’impresa di grandi dimensioni. Tali soggetti, infatti, vantano una grande quantità di crediti insoluti e quindi, per gestirli in modo adeguato, ne delegano il recupero a società specializzate.

Riscossione debito bancario come funziona

Il conferimento dell’incarico per il recupero di un debito bancario può essere effettuato seguendo due diverse strade.

Da un lato, la banca può semplicemente incaricare del recupero crediti società specializzate che agiscono per la riscossione, anche parziale, del credito presso il debitore.

Dall’altro lato, la banca può anche decidere di cedere il proprio credito all’agenzia, per un prezzo inferiore al capitale dovuto. Ciò avviene, di solito, quando la banca considera il credito di difficile realizzo.

Ad esempio, un debito bancario di 10.000 EUR viene venduto all’agenzia per soli 1.000 EUR. In tal modo, la banca recupera almeno una minima parte del credito, mentre l’agenzia, se riesce successivamente a recuperare dal debitore una somma superiore al prezzo di acquisto, consegue comunque un guadagno.

 

Recupero crediti: i limiti di legge

In entrambi i casi sopra esaminati (incarico all’agenzia per il recupero del credito oppure cessione del credito all’agenzia), la società di recupero crediti si attiverà immediatamente per indurre il debitore a saldare quanto dovuto.

A questo proposito, va segnalato che l’attività di recupero crediti viene svolta, spesso, con metodi fin troppo aggressivi.

Per questo motivo, il legislatore e il garante della privacy sono spesso intervenuti per assicurare che tale attività si svolga nel rispetto:

  • della legge
  • della dignità del cittadino
  • della privacy del debitore

In tal modo, sono state nel tempo evidenziate alcune pratiche scorrette che vanno assolutamente evitate e che il debitore dovrebbe sempre denunciare (vedi il nostro approfondimento in proposito).

Debiti bancari e recupero crediti

Debiti bancari e recupero crediti

Va precisato, comunque, che la riscossione crediti è, di per sé, un’attività lecita e proprio per questo le banche e le finanziarie incaricano del recupero crediti società o agenzie specializzate, autorizzate dalla Questura.

Per comprendere le dimensioni del fenomeno, basi pensare a quante volte i pagamenti delle rate di un mutuo o di un finanziamento non vengono regolarmente pagati.

Purtroppo, tale inadempimento è spesso dovuto ad alcuni sfortunati eventi che possono capitare nella vita (ad esempio, la perdita del lavoro o la separazione coniugale): il reddito diminuisce, sorgono nuove spese e nel giro di poco tempo si crea un malaugurato debito bancario, con interessi moratori che crescono di giorno in giorno.

In più, quasi sempre, al debito si accompagna la segnalazione del debitore alla centrale rischi interbancaria o al Crif, e ciò rende praticamente impossibile un ulteriore ricorso al credito.

 

Come agisce una società di recupero crediti

Quando ciò accade, come abbiamo visto, la banca può incaricare un’agenzia che provvede, come prima cosa, ad inviare un sollecito di pagamento al debitore.

Successivamente, se la morosità persiste, la riscossione crediti continua attraverso contatti telefonici o visite a domicilio.

Al proposito, è sempre opportuno ricordare che il recuperatore crediti non è un pubblico ufficiale, e quindi non esiste alcun obbligo di aprirgli la porta di casa. Quanto alle telefonate, inoltre, ricordiamo che gli operatori spesso ricorrono a qualche trucchetto per intimorire il debitore (ne parliamo più approfonditamente in questa guida).

Quando il recupero crediti non sortisce effetto in via stragiudiziale, si può arrivare al pignoramento e alla vendita dei beni del debitore. Tali atti sono preceduti da una vera e propria attività di investigazione da parte dell’agenzia, che compie un’indagine patrimoniale sul debitore per sapere di quali beni e redditi è in possesso.

 

L’importanza di rivolgersi a un esperto del settore

Quando si viene contattati da una società recupero crediti per un debito bancario, la cosa migliore da fare è rivolgersi a un esperto del settore come Piano Debiti, per trovare un accordo con l’agenzia o consentire al debitore di accedere alle procedure per la gestione del sovraindebitamento previste dalla legge 3 del 2012.

 

 

Piano Debiti ti offre una consulenza professionale che ti aiuta in caso di sovraindebitamento. Analizziamo gratuitamente la tua situazione debitoria e ti aiutiamo ad uscirne al meglio, consigliandoti la strada migliore da seguire. Contattaci inviando una richiesta o chiamandoci al numero verde gratuito 800 090 598.