Un altro caso con esito positivo per un cliente di Alessandria in grave difficoltà grazie all’intervento di Piano Debiti.

In questo caso si è trattato di intervenire sulla situazione dei genitori di un nostro cliente che ha già avuto accesso alla Legge 3 2012 per risolvere la propria situazione di indebitamento.

Essendosi liberato dai debiti, i genitori rimanevano però obbligati verso la Banca che all’epoca avevano fatto un prestito per avviare la propria attività commerciale, firmando una fideiussione.

 

Il Caso

Per risolvere la grave situazione dei due genitori è stata svolta un’approfondita analisi sulle fideiussioni sottoscritte ormai parecchi anni fa (risalenti al 2004) andando a verificare che entrambe le fidejussioni, sia quella del padre che della madre, fossero illegittime in quanto viziate da anomalie contrattuali più volte censurate dall’Antitrust.

Fideiussioni considerate nulle in quanto sottoscritte sul modello “Schema ABI“, ritenuto dalla Cassazione non legittimo in quanto lesivo della concorrenza.

Evidentemente in questo caso per tutelare queste situazioni sarebbe utile rivolgersi all’autorità giudiziale per richiedere l’annullamento delle fideiussioni.

Si tratta di un percorso che in molti casi porta ad ottenere risultati positivi ma che richiede sicuramente tempi abbastanza lunghi.
Secondo la nostra esperienza in materia, la Banca, anche qualora perda in primo grado, tende a ricorrere in appello mantenendo vincolato il debitore per numerosi anni.

 

La soluzione

Quindi prima di intraprendere questa strada, abbiamo consigliato al cliente di procedere con un tentativo di saldo e stralcio che prevedesse la contestuale comunicazione alla Banca dell’illegittimità delle fideiussioni firmate.

Al termine di un’articolata trattativa con la Banca è stato possibile ottenere il saldo e stralcio dei 350.000€ di fideiussioni sottoscritte dai due coniugi, con una somma complessiva inferiore al 5% della fideiussione stessa.

Ne consegue quindi che investendo una somma che per il cliente è risultata essere alquanto sostenibile (il padre era appena andato in pensione per cui disponeva dei soldi della liquidazione) è stato possibile liberare i due coniugi dalle fideiussioni sottoscritte ed evitare di coinvolgerli in un lungo iter giudiziario che comunque avrebbe creato costi superiori ed altrettante preoccupazione ai nostri clienti.

 

Piano Debiti ti offre una consulenza professionale che ti aiuta in caso di annullamento fidejussioni. Analizziamo gratuitamente la tua situazione debitoria e ti aiutiamo ad uscirne al meglio, consigliandoti la strada migliore da seguire. Contattaci inviando una richiesta o chiamandoci al numero verde gratuito 800 090 598.